Sulla via Francigena in 6 mosse

unicoopfirenze

Giovedì 18 Dicembre 2014

La Francigena in sei mosse
L’antica via Romea e poi Francigena rivive dopo mille anni
Scritto da Marco Posarelli il 18/12/2014

Far conoscere la via Francigena che passa per la Toscana, al maggior numero di soci possibile. Questo l’obiettivo delle visite a tappe previste per i soci. Per il tratto che attraversa le zone dove opera l’Unicoop Firenze, vale a dire da Lucca a Siena, sono state organizzate sei gite di un giorno, che prevedono trasferimenti in bus e camminate, con guida nei centri storici, e alcuni tratti in campagna. Tutte le gite si svolgeranno di sabato, dal 14 febbraio al 30 maggio. Quindi chi vuole le può fare tutte, magari non in sequenza. Vediamole nel dettaglio.
Il centro storico di Lucca. La gita prevede la visita al Museo nazionale di Villa Guinigi (sezione medievale), a San Frediano, San Michele e San Martino, con il Volto Santo. Presso l’Archivio diocesano, proclamato dall’Unesco Patrimonio dell’umanità, saranno aperte le antiche pergamene.
Da Altopascio a Fucecchio. Visita del centro storico di Altopascio. Trasferimento in bus a Chimenti dove si percorrerà a piedi un raro tratto di selciato della Francigena fino alla chiesa del Galleno. Quindi in bus a Ponte Buggianese, l’imbarco sui barchini tradizionali del Padule di Fucecchio al Casin del Lillo, la traversata del padule fino alla Riserva naturale de Le Morette. A Fucecchio si arriva per il pranzo al convento delle Clarisse sul Poggio Salamartano. Segue la visita del centro storico di Fucecchio, con la lettura di testi medievali da parte di un attore nella Fondazione Montanelli Bassi. Ritorno in bus ad Altopascio.
Da San Miniato a Certaldo e Castelfiorentino. Da San Miniato a Certaldo e Castelfiorentino. Da San Miniato Basso all’area archeologica di San Genesio. A San Miniato visita del centro storico. Trasferimento in bus in localita Rimorti e camminata fino alla via Maremmana (Castelfiorentino-Montaione). Pranzo a buffet a Certaldo. Lettura di una novella del Decamerone a cura della Compagnia Ora Nona. Quindi visita alla Pieve di Santa Maria a Chianni e a Castelfiorentino al Museo di Santa Verdiana; seguiranno un concerto di musiche medievali nella Chiesa di San Francesco e una cena a buffet nel Museo BeGo (Benozzo Gozzoli); rientro a San Miniato.

Da San Gimignano a Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi. Partenza da Poggibonsi Drove e salita a Sangimignano per la visita del centro storico, ingresso nella Chiesa di San Jacopo. Trasferimento in bus sulla statale 68, in località Pian del Bottino, passeggiata fino a Badia a Coneo. A Colle Alta, pranzo con prodotti locali, visita del centro storico e trasferimento a Poggio Bonizio, dove una cooperativa di archeologi ha ricostruito l’abitazione in legno, fango e paglia del signore carolingio del villaggio. Da Poggibonsi si prosegue per Monteriggioni, Abbadia a Isola e Rocca di Staggia. Partenza da Poggibonsi Salceto arrivo in bus a Monteriggioni, passeggiata fino ad Abbadia ad Isola. L’itinerario fa tappa alla Rocca di Staggia.
Da Monteriggioni ad Abbadia Isola e Rocca di Staggia. Abbadia Isolaoffre la visita dell’abbazia cistercense di stampo romanico-lombardo. Passeggiata fino a Monteriggioni. L’itinerario fa tappa a Rocca di Staggia e al suggestivo castello dei Franzesi, noto in tutta Europa per le sue torri cilindriche, ispirate al Medioriente. Qui esibizione dei falconieri e visita alle installazioni di arte contemporanea presso la rocca.
Siena. La tappa prevede un itinerario da Porta Camollia a Porta Romana, con soste e visite a chiese, ospedali e locande. Nel grande Ospedale di Santa Maria della Scala, i visitatori sono accolti da rettore, balia e medico interpretati da un gruppo di attori in costume.
• Quota di partecipazione (a tappa) Euro48, per i Soci COOP, Euro 200 per i non soci (minimo 25 partecipanti).
• Prenotazioni dal 7/1/2015 presso leAgenzie di Viaggio di Toscana Turismo.
• Info: Argonauta Viaggi, c/o CentroEmpoli,Via Raffaello Sanzio, 199/12,EMPOLI
• 0571 83402, argonauta.empoli@robintur.it