E' l'Archeodromo il ''museo dell'anno''!

Valdelsa.net

Domenica 13 Settembre 2015

E' l'Archeodromo il ''museo dell'anno''! Bussagli ritira il Premio Francovich da Giuliano Volpe

L'Archeodromo, primo museo open air italiano sull'Alto Medioevo, è un progetto della Fondazione Musei Senesi realizzato, grazie ai finanziamenti Arcus Spa, con il Comune di Poggibonsi e l'Università degli Studi di Siena in collaborazione con Arké Archeologia Sperimentale e Archeotipo srl. In poco meno di un anno di vita (è stato inaugurato nell'ottobre del 2014) l'attività presso l'Archeodromo è stata continua con eventi formativi, didattici e con iniziative che ne hanno fatto un centro di storytelling e archeologia sperimentale.

Il Sindaco di Poggibonsi David Bussagli ha ricevuto il 10 settembre 2015 da Giuliano Volpe, Presidente del Consiglio Superiore dei beni culturali e paesaggistici, il Premio Francovich per l'Archeodromo di Poggio Imperiale. L'ambito riconoscimento viene conferito dalla Società degli Archeologi Medievisti Italiani al museo - parco archeologico italiano che rappresenta la migliore sintesi tra rigore dei contenuti scientifici ed efficacia nella comunicazione degli stessi verso il pubblico dei non specialisti.

«Un riconoscimento che inorgoglisce tutti - commenta il Sindaco - per un progetto che parte da lontano e che ancora più lontano vuole arrivare. Un risultato che ha tanti protagonisti, a partire dalla qualità scientifica del progetto curato dal professor Marco Valenti e da tutto il gruppo di archeologi che vi lavora con passione dedizione e competenza. Ha vinto tutta la nostra comunità che ci ha creduto e lo ha sostenuto».

L'Archeodromo, primo museo open air italiano sull'Alto Medioevo, è un progetto della Fondazione Musei Senesi realizzato, grazie ai finanziamenti Arcus Spa, con il Comune di Poggibonsi e l'Università degli Studi di Siena in collaborazione con Arké Archeologia Sperimentale e Archeotipo srl. In poco meno di un anno di vita (è stato inaugurato nell'ottobre del 2014) l'attività presso l'Archeodromo è stata continua con eventi formativi, didattici e con iniziative che ne hanno fatto un centro di storytelling e archeologia sperimentale.

Si è aggiudicato il Premio Francovich sia nella votazione scientifica che in quella "popolare".